Come acquistare online al riparo da truffe.

  

Acquistare online è oramai azione quotidiana.

Il consiglio che diamo, per risparmiare soldi, è quello di comparare i prezzi dei prodotti mediante gli appositi siti di ordinamento prodotti per "prezzo crescente o decrescente".
Trovaprezzi, ciao e kelkoo sono solo alcune delle strutture che offrono questo servizio.

Il consiglio invece, per evitare le truffe, è quello di assicurarsi che il negozio online abbia anche una sede fisica, magari visibile mediante fotografie online. Non sempre di fronte ad un sito web c'è dietro una struttura seria. In alcuni casi c'è chi prende i soldi degli ordini e non corrisponde merce alcuna. Consigliamo di acquistare da chi possiede anche un reale punto vendita, poichè si espone maggiormente a garanzia e tutela del consumatore. Le garanzie di tali società sono sicuramente maggiori, così come l'assistenza post vendita, che spesso ha già un'area dedicata interna all'azienda proprio perchè vende anche fisicamente al dettaglio.


   

  
  


Informazione libera online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Vanno a dormire anche le cornetterie notturne di Roma ?

  

Uno degli appuntamenti immancabili delle ronde notturne della Capitale è segnato e si ipotizza che rimanerà soltanto un ricordo di chi ha avuto la fortuna di vivere negli anni in cui a fine corsa, dopo qualche birra con gli amici, si poteva non solo fare la scorta da portare a casa per la "robusta colazione della mattina dopo", ma assaporare cornetteria fresca appena sfornata.
A partire dalla metà di marzo 2009 tutti i "laboratori artigianali" (definizione che abbraccia pasticcerie, gelaterie e cornetterie che vendono al dettaglio materiale di produzione propria) dovranno tirare giu le serrande all'una di notte. Lo obbliga un'ordinanza del comune di Roma che "deve disciplinare la concorrenza".
L'assessore al Commercio afferma: "I tempi di chiusura dei laboratori artigianali non erano mai stati regolamentati."
Alcune associazioni proponevano il copriguoco per le ore 22, altre per le ore 24.
"Abbiamo dato la possibilità di chiudere all'una".
E' un orario ragionevole che accontenta esercenti e residenti nelle zone limitrofe, che spesso si trovano a dover dormire tra schiamazzi notturni e viavai delle automobili.
Scontenti i clienti; resteranno aperti gli esercizi pubblici, ossia quei bar che vendono cornetti e bombe a prezzo superiore e che acquistano i prodotti da tali laboratori anziché produrli.
Per i circoli privati ed associazioni culturali, il termine è fissato alle ore 02.00.
Sempre a metà marzo, e in tutta la città, non sarabbo più reperibili alcolici all'interno dei distributori automatici.


   

  
  


Informazione libera online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Gazelle, il nuovo browser Microsoft.

  

A quanto pare ci risiamo anche in casa Microsoft. Dicono si stia lavorando alla produzione di un nuovo browser, totalmente estraneo ad Internet Explorer (Menomale). Il nascituro pare abbia l'orrendo nome di "Gazelle" che secondo le intenzioni, dovrà essere estremamente sicuro e veloce. Sembar quasi che abbiano sentito il puzzo di bruciatura della miccia della bomba "Chrome", che come i suoi 23 mega di memoria all'avvio al momento non ha rivali.

In tema sicurezza, separerà il Browser Kernel, che avrà accesso al sistema operativo e alla rete, dal rendering delle pagine, che vedrà le due risorse soltanto mediante un'apposita API; saranno anche ristrutturate le regole SOP (Same Orgin Policy) per strozzare sul nascere i tentativi di attacco da parte di pagine web strutturate per far danni.

In merito alla velocità, Gazelle ne dovrebbe acquistare parecchia nella gestione di JS, CSS e HTML nel solito processo, evitando in questo modo la ridondanza di informazioni che secondo Microsoft Research non porta reali benefici di sicurezza. Il team di produzione ha rilasciato un documento disponibile in PDF in cui descrive la mission del progetto.


   

  
  


Informazione libera online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Risposta al commento su Benjami Button

  

Pima di tutto devo dire che se tra le 13 nominations del film ci sono TRUCCO, COSTUMI, SCENOGRAFIA (e anche attori protagonisti e non, dai sono stati bravi!), queste sono ampiamente meritate. Detto questo, concordo in gran parte con Squid.
Anche io la STESSA SERA ero al cinema col mio ragazzo e per la prima mezzora ho pensato di essermi data la zappa sui piedi! Daisy in punto di morte era inguardabile (e tra l'altro non si capisce una mazza di quello che dice!) e la decisione di ambientare la vita di Benjamin (in un certo senso stupenda, avventurosa soprattutto il periodo che passa sulla Chelsea) in una casa di cura per anziani che muoiono davvero ogni 5 minuti è devastante per lo spettatore(calcola nel giro di 3 ore, tra morti e feriti un cuccumello pieno!).
La storia d'amore è scontata, molto più di quella con la ricca ex nuotatrice russa. Benjamin non ha mai emozione nella voce anche se quello che dice a volte è (in modo scontato, spesso) emozionante. La storia comunque del vecchio che ringiovanisce,letta tante volte, non era mai stata portata in pellicola e questo è già un merito. Benjamin è un tenero bambino che racconta la sua crescita di persona socialmente emarginata, che muore solo tra le braccia della sua "vecchia" amata, inconsapevole come un neonato con l'alzheimer.


   

  
  


Informazione libera online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Lasciate un commento e conosciamoci.

  

Questo è un post strano.

Oggi ci abbandonavamo ad una serie di considerazioni sul Blog NeverSleep. Oramai il blog conta oltre mille articoli, con un'ottima presenza sui motori di ricerca e soprattutto con quasi 20.000 visite uniche al mese.

La domanda è: con tutti questi lettori, e con un'ottima frequenza di ritorno sul sito segnalata da Google Analytics (sistema di statistiche del traffico dei siti web di Google), e quindi con molti lettori abituali, dove sono i nostri visitatori?

La domanda non è malposta, ma scordandoci per un attimo che si tratta di un blog, ci piacerebbe vederli, cosa impossibile ovviamente.

Vi invitiamo quindi a LASCIARE un commento cliccando sull'apposita voce "lascia un commento" qui sotto alla fine dell'articolo, per conoscervi uno ad uno.

E se l'esperimento non riuscisse, allora è perché i nostri visitatori non hanno la tastiera :)


   

  
  


Informazione libera online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 ... 208 >>

.